InfoCert lancia sul mercato Business Key LITE, la chiavetta innovativa per professionisti e imprese che vogliono tutti i vantaggi della firma digitale

Estrema facilità d’uso, validità legale, portabilità assoluta, prezzo competitivo e possibilità di sottoscrivere i documenti in formato PDF sono i suoi tratti distintivi.

Roma, 14 settembre 2009 – InfoCert, il primo Ente Certificatore in Italia con tre milioni di certificati di firma digitale e centoventimila caselle PEC, annuncia il debutto sul mercato di Business Key LITE, l’innovativa chiavetta USB per chi vuole la firma digitale sempre a portata di mano.
Nata dall’esperienza e dal successo di InfoCert con Business Key “standard”, la versione LITE è destinata a chi è essenzialmente interessato all’uso della Firma Digitale: dalla sorella maggiore, Business Key LITE infatti eredita tutti i vantaggi legati proprio all’uso della firma digitale, senza la serie di funzionalità e software accessori necessari soltanto a chi ha esigenze più complesse.
Business Key LITE, che consente quindi di apporre la firma digitale, con piena validità legale e senza necessità di stampa e sottoscrizione classica dei documenti, è da oggi prenotabile direttamente dal sito www.infocert.it e acquistabile presso i rivenditori autorizzati InfoCert.
“Abbiamo lavorato all’ideazione e allo sviluppo di Business Key LITE – dichiara Fabiana Vudafieri, Direttore Marketing e Sviluppo Mercato di InfoCert – avendo rilevato sul mercato il bisogno di professionisti e aziende verso un prodotto innovativo che associasse un uso facile e flessibile della firma digitale all’estrema affidabilità che tradizionalmente caratterizza le soluzioni InfoCert. Siamo convinti che la nostra chiavetta avrà il giusto successo presso questi utenti e, anzi, potrà presto espandersi verso nuove aree di mercato ad alta potenzialità quali il settore bancario, assicurativo e sanitario.”
In soli 8 cm di lunghezza, 2,1 di larghezza e 1 di spessore e 512 MB di memoria, Business Key LITE contiene il lettore, il chip crittografico e il software per la firma digitale nonché i certificati di sottoscrizione e autenticazione. Consente altresì di gestire i PIN, per operazioni quali sblocco e modifica, nonché di configurare in modo rapido i parametri di accesso a internet.
Business Key LITE è già dotata, inoltre, del browser Portable Firefox, con salvataggio cifrato della password e collegamento immediato al sito www.legalmail.it
E in aggiunta, anche rispetto alla versione tradizionale di Business Key, offre l’accesso diretto a Internet Explorer da qualsiasi postazione ospitante.
Grazie a un menu davvero intuitivo, tutte le applicazioni principali sono immediatamente disponibili. Tra queste, è possibile l’opzione per la firma integrata su file PDF secondo gli standard Adobe.
Peraltro, il sistema di gestione Pstart, consente di aggiungere, eliminare e modificare a piacimento le diverse voci del menu adattandolo al meglio alle proprie esigenze.
La nuova chiavetta si caratterizza, infine, per la cura estetica, la cui costante ricerca in InfoCert è testimoniata dal recente inserimento – da parte dell’Osservatorio Permanente del Design – di Business Key “standard” nel volume ADI Design Index 2008 che consente di concorrere all’aggiudicazione del XXII Premio Compasso d’Oro ADI, prestigioso riconoscimento alla qualità produttiva e progettuale di beni, servizi e interi sistemi.
InfoCert S.p.a. è il primo Ente Certificatore in Italia, con oltre 3 milioni di certificati di firma digitale, 120.000 caselle attive di Posta Elettronica Certificata e oltre 250 milioni di documenti di cui è Responsabile della Conservazione a norma di legge. InfoCert ha capitale sociale di oltre 23 milioni di euro, fatturato di 30 milioni di euro (2008) e 180 dipendenti nelle sedi di Roma, Milano e Padova.
InfoCert progetta, sviluppa ed eroga servizi informatici per imprese, associazioni, ordini professionali, Pubblica Amministrazione e professionisti. InfoCert offre soluzioni per la dematerializzazione dei documenti e l’ottimizzazione dei processi aziendali, grazie alle sue innovative famiglie di prodotti LegalCycle, LegalDoc, LegalCert, Legalmail e LegalHR.

Business Key di InfoCert è nell’ADI Design Index 2008

Business Key si candida ora al premio Compasso d’Oro ADI,

prestigioso riconoscimento del design italiano

Roma, 2 luglio – Business Key, l’innovativa chiavetta firmata da InfoCert, si conquista un posto nel volume ADI Design Index 2008 presentato ieri sera a Milano presso la Triennale. Ad annunciarlo, dopo la comunicazione dell’Osservatorio Permanente del Design, è la stessa InfoCert S.p.a, primo Ente Certificatore in Italia con oltre 3 milioni di certificati di firma digitale, 100.000 caselle attive di Posta Elettronica Certificata e oltre 300 milioni di documenti di cui è Responsabile della Conservazione a norma di legge.

Business Key e i prodotti inseriti nell’ADI Design Index 2008 si aggiungeranno a quelli selezionati nel 2009 e nel 2010 dall’Osservatorio Permanente del Design, costituito da un gruppo di esperti internazionali con lo scopo di selezionare i migliori prodotti di design, per il conferimento del XXII Premio Compasso d’Oro ADI, divenuto negli anni il più prestigioso riconoscimento della qualità produttiva e progettuale di beni, servizi e interi sistemi.
Business Key, scelta da un osservatorio di 100 esperti, è l’innovativa chiavetta firmata InfoCert, facile da usare come un semplice dispositivo USB, che permette di avere sempre con sé gli strumenti per il proprio lavoro: può infatti contenere le password e i documenti personali, protetti dai migliori sistemi di sicurezza, nonché i programmi per lavorare in autonomia su qualsiasi computer. Ma soprattutto Business Key permette l’apposizione della firma digitale con valore legale a qualsiasi documento, senza quindi necessità di stampa e firma classica.
Ma Business Key non è solo un indispensabile strumento di lavoro. E’ un oggetto studiato con cura anche nel design. “Siamo soddisfatti del riconoscimento avuto, perchè premia l’impegno e la ricerca che mettiamo nella realizzazione dei nostri prodotti, concepiti per essere inseparabili da chi li usa – spiega Fabiana Vudafieri, Direttore Marketing e Sviluppo di Mercato di InfoCertBusiness Key rispecchia quindi la volontà di InfoCert di proporre innovazione, ma anche creatività e raffinata eleganza”.

InfoCert

InfoCert S.p.a. è il primo Ente Certificatore in Italia, con oltre 3 milioni di certificati di firma digitale, 100.000 caselle attive di Posta Elettronica Certificata e oltre 200 milioni di documenti di cui è Responsabile della Conservazione a norma di legge. InfoCert ha capitale sociale di oltre 23 milioni di euro, fatturato di 30 milioni di euro (2008) e 180 dipendenti nelle sedi di Roma, Milano e Padova.
InfoCert progetta, sviluppa ed eroga servizi informatici per imprese, associazioni, ordini professionali, Pubblica Amministrazione e professionisti. InfoCert offre soluzioni per la dematerializzazione dei documenti e l’ottimizzazione dei processi aziendali, grazie alle sue innovative famiglie di prodotti LegalCycle, LegalDoc, LegalCert, Legalmail e LegalHR.


Italian Utilities e InfoCert: da oggi la bolletta diventa elettronica

I primi progetti pilota presentati il 2 luglio, a Roma,
in un workshop completamente dedicato alla Posta Elettronica Certificata,
alla gestione documentale e alla dematerializzazione nei Servizi Pubblici Locali

Roma, 26 giugno 2009 – InfoCert S.p.a., primo Ente Certificatore in Italia con oltre 3 milioni di certificati di firma digitale, 100.000 caselle attive di Posta Elettronica Certificata e oltre 200 milioni di documenti di cui è Responsabile della Conservazione a norma di legge, ha siglato un accordo quadro di collaborazione con Italian Utilities Scrl (già Confservizi International), dal 1995 struttura consortile per l’internazionalizzazione delle Local Utilities con lo scopo di promuovere, organizzare e assistere le attività delle aziende che operano nell’ambito dei servizi locali.

La partnership tra Italian Utilities e InfoCert favorirà la condivisione della conoscenza sui bisogni del mercato di riferimento, in particolare per quanto riguarda la gestione documentale, la dematerializzazione e la conservazione a norma dei documenti, per offrire servizi e soluzioni rispondenti alle specifiche necessità delle realtà interessate. Le due società, coadiuvate da Archeometra, azienda veneta specializzata nelle soluzioni IT per la Pubblica Amministrazione, metteranno quindi a fattor comune le specifiche competenze, sia in campo tecnologico, sia in termini di applicazioni e servizi.


“Siamo molto soddisfatti di aver siglato questa partnership con InfoCert – spiega Giacomo Luciani, Presidente di Italian Utilities – la collaborazione consentirà infatti alle realtà che fanno parte del nostro network di beneficiare dell’esperienza della realtà leader nel settore della gestione documentale e della conservazione sostitutiva e, quindi, di soluzioni tecnologicamente all’avanguardia e progetti studiati ad hoc, oltre delle economie di scala garantite dagli stessi termini dell’accordo”.

Quello dei servizi di gestione documentale e della conservazione a norma è oggi un mercato in rapida espansione: sono infatti numerosi e subito tangibili i benefici che tali soluzioni portano in termini di razionalizzazione e riduzione dei costi di gestione, sia nella pubblica amministrazione, sia nelle imprese private. In particolare, è molto forte la domanda della bolletta elettronica, finalizzata alla semplificazione e alla trasparenza dei procedimenti amministrativi.

“Grazie a Italian Utilities siamo oggi in grado di raggiungere più capillarmente il mercato dei Servizi Pubblici Locali – dichiara Giovanni Nasi, Amministratore Delegato di InfoCert – Si tratta di un settore in cui l’aggregazione e la condivisione di esperienze, risorse strumentali e competenze professionali risultano particolarmente strategiche nel processo di generale modernizzazione. Siamo certi pertanto che la qualità delle nostre soluzioni porterà valore anche al servizio finale offerto al cittadino”.

Per presentare i primi casi pilota che vedono protagoniste aziende di servizi pubblici locali in varie città italiane, Italian Utilities e InfoCert organizzano il prossimo 2 luglio a Roma, presso il Palazzo Cispel un workshop sul tema della Posta Elettronica Certificata, gestione documentale e dematerializzazione nei Servizi Pubblici Locali, con l’intervento di rappresentanti del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, di CNIPA e di vari esperti del settore.

Introdurrà i lavori Raffaele Morese, Presidente Confservizi, alla quale sono associate Federutility, Federambiente, Federcasa, Federculture, Asstra, FIASO ed Assofarm, che riuniscono complessivamente oltre 1700 imprese del settore.
In tale occasione sarà illustrato l’accordo siglato per supportare le aziende associate ad Italian Utilities ai fini della PEC, della firma digitale, della digitalizzazione e della conservazione sostitutiva.

InfoCert
InfoCert S.p.a. è il primo Ente Certificatore in Italia, con oltre 3 milioni di certificati di firma digitale, 100.000 caselle attive di Posta Elettronica Certificata e oltre 200 milioni di documenti di cui è Responsabile della Conservazione a norma di legge. InfoCert ha capitale sociale di oltre 23 milioni di euro, fatturato di 30 milioni di euro (2008) e 180 dipendenti nelle sedi di Roma, Milano e Padova.
InfoCert progetta, sviluppa ed eroga servizi informatici per imprese, associazioni, ordini professionali, Pubblica Amministrazione e professionisti. InfoCert offre soluzioni per la dematerializzazione dei documenti e l’ottimizzazione dei processi aziendali, grazie alle sue innovative famiglie di prodotti LegalCycle, LegalDoc, LegalCert, Legalmail e LegalHR.

Artigiancassa e InfoCert: al via sottoscrizione online per i conti correnti

I clienti di Artigiancassa, primi in Italia, potranno diventare correntisti
senza doversi recare in banca,
grazie alla firma digitale con il dispositivo “Business Key” di InfoCert
Roma, 11 giugno 2009 – Artigiancassa, banca di riferimento degli artigiani partecipata al 73,9% da BNL – Gruppo BNP Paribas e al 26,1% da Confartigianato, CNA, Casartigiani e Fedart Fidi, e InfoCert S.p.a. – primo Ente Certificatore in Italia – offrono da oggi la possibilità di aprire direttamente online i conti correnti “Artigiancassa”, apponendo la firma di sottoscrizione in formato digitale, grazie alla piattaforma per la gestione documentale realizzata da InfoCert.

Questo servizio, il primo in Italia, costituisce uno dei punti di forza del piano di rilancio di Artigiancassa, che prevede l’apertura di “Artigiancassa point” direttamente nelle sedi delle Associazioni e dei Confidi artigiani convenzionati. Si tratta di sportelli operativi dove il personale delle stesse strutture associative, grazie ad una innovativa piattaforma tecnologica, è in grado di fornire in tempi brevi risposte adeguate alle esigenze dei clienti artigiani. Il tutto attraverso l’offerta di prodotti e servizi realizzati sulla base dell’expertise internazionale del Gruppo BNP Paribas.
Il piano – partito a gennaio del 2009 – ha visto ad oggi, in linea con le previsioni, l’attivazione di circa 180 Artigiancassa Point in tutta Italia, che veicolano richieste di finanziamenti, aperture di conto corrente e altri prodotti.

L’utilizzo della firma digitale e la conformità con le norme antiriciclaggio delle modalità di riconoscimento permettono al cliente di sottoscrivere il contratto direttamente nell’Artigiancassa Point, dove è tra l’altro possibile richiedere una casella “Legalmail” e la “Business Key”, il dispositivo “portabile” di autenticazione e di firma sempre pronto per l’uso, senza alcuna installazione, utilizzabile per l’accesso ad Internet da qualsiasi PC.


Il servizio è proposto in convenzione con BNL, banca presso cui risiede il conto corrente; Artigiancassa si occupa della raccolta dei contratti firmati digitalmente e della loro conservazione, nonché dell’invio a BNL per l’istruttoria della pratica e l’apertura del conto. La collaborazione con InfoCert ha permesso di realizzare una piattaforma per la digitalizzazione dell’intero ciclo di gestione del contratto.


Al servizio del progetto, InfoCert ha messo l’esperienza acquisita con soluzioni leader sul mercato come DSS- Digital Sign Server, Legalmail, LegalDoc e, soprattutto, Business Key.


Artigiancassa offre dunque alla clientela innovative soluzioni per la firma digitale, quella PDF, la firma su web, il servizio di firma automatica da remoto, la Posta Elettronica Certificata (per l’invio delle credenziali di accesso al conto), oltre al servizio InfoCert per la conservazione a norma dei documenti (obbligo di conservazione per 10 anni) e quello per la gestione del back office (raccolta dei documenti, organizzazione della “pratica”, invio delle credenziali al cliente, invio in conservazione del contratto e degli allegati).
A breve poi sarà possibile sottoscrivere anche i contratti per l’acquisto di Carta di Credito, POS e Leasing.


“La collaborazione con InfoCert è parte della strategia di rilancio di Artigiancassa studiata da BNL – Gruppo BNP Paribas per potenziarne la presenza e l’operatività sul territorio e allargare la base di correntisti business, dichiara Giovanni Di Leva, Direttore Generale di Artigiancassa. Oggi siamo contenti del risultato, che è comunque solo il primo di una serie di interventi che contiamo di mettere in opera continuando questa proficua cooperazione.”


“Siamo soddisfatti della collaborazione con Artigiancassa, una realtà dinamica e aperta all’innovazione – dichiara Giovanni Nasi, Amministratore Delegato di InfoCert – Quello delle banche e degli istituti di credito, di qualsiasi tipologia e dimensione, è un mercato a cui stiamo guardando con grande interesse e da cui ci aspettiamo importanti risultati”.





Benvenuto nella sezione Comunicati Stampa di InfoCert